Sei qui:

La Cultura continua fuori e dentro il teatro

PDF  Stampa  E-mail 
cultura on line home COME PRECIPITARE DENTRO IL REPERTORIO DEI FRATELLI DALLA VIA SENZA FARSI (troppo) MALE
Fino al 10 dicembre 2020 VOTA su www.acnlendinara.it lo spettacolo che vorresti vedere dal vivo!
Tre incontri on line, gratuiti rivolti a spettatori curiosi e impertinenti
Martedì 17, martedì 24 novembre e martedì 1 dicembre 2020 - ore 19

 

COME PRECIPITARE DENTRO IL REPERTORIO DEI FRATELLI DALLA VIA SENZA FARSI (troppo) MALE.

Tre incontri on.line, gratuiti rivolti a spettatori curiosi e impertinenti, durante i quali i Fratelli Dalla Via tra stralci di spettacolo e letture inaspettate racconteranno testimonianze di lavoro, aneddoti e citazioni degli autori guida che li hanno accompagnati.

La partecipazione agli incontri è libera e si realizzerà tramite piattaforma on.line.

Per partecipare è necessario iscriversi compilando il modulo sul sito www.acnlendinara.it

Ai partecipanti sarà chiesto di votare lo spettacolo/tema che incuriosisce di più e che si vuol vedere rappresentato in teatro non appena sarà possibile ritornare dal vivo.

Questa iniziativa è una proposta di allargamento e diversificazione del pubblico. I Fratelli Dalla Via sfruttando le suggestioni dei tre spettacoli che li hanno portati alla ribalta Nazionale, propongono un percorso intorno ai temi cardine del loro “fare e pensare” artistico: l’italiano regionale come lingua madre, la ricerca su stereotipi e territorio, la fragilità umana connessa a quella economica, l’esercizio della satira come metodo di osservazione del presente.


DATE DEGLI INCONTRI:

MAR 17 NOVEMBRE ore 19
paesaggio
letture e riflessioni collaterali intorno a PICCOLO MONDO ALPINO

Il primo appuntamento con la “Trilogia del Patrimonio” coincide con la prima scrittura per la scena dei Fratelli Dalla Via. Piccolo Mondo Alpino, prodotto dal CRT di Milano e vincitore del Premio Kantor nel 2010, da dieci anni continua il suo fortunato tour.

Questo incontro di approfondimento è dedicato alle origini del percorso artistico della compagnia che fin dall’esordio ha scelto matrici narrative e linguistiche strettamente legate al territorio veneto e alla montagna dove i fratelli sono nati e cresciuti. Chi oserá guardare dietro le quinte e dentro il processo di scrittura potrá vedere: quali paesaggi li hanno condizionati, quali autori li hanno consolati, quali riflessioni sul presente hanno portato a raccontare questa storia e non mille altre. Appunti e meditazioni sull’occidente da una seggiovia deserta.

MAR 24 NOVEMBRE ore 19
impresa
letture e riflessioni collaterali intorno a MIO FIGLIO ERA COME UN PADRE PER ME

Seconda immersione nella “Trilogia del Patrimonio”. Mio figlio era come un padre per me è vincitore del Premio Scenario 2013.

Con questa drammaturgia ironica e crudele I Fratelli sono saliti alla ribalta nazionale portando lo spettacolo in oltre cento cittá.
Al centro dell’incontro il tema del lavoro, religione nordestina, e il tabù del fallimento. Ma anche la questione del costo che si scontra con il concetto di valore, il cieco guadagno con l’investimento, la generazione dei padri partiti dal niente e quella dei figli che a quel niente sono tornati.Grazie ad un gioco di ribaltamenti scenici e un florilegio di testi legati all’economia e all’ impresa la compagnia e gli spettatori impertinenti scenderanno a valle, in zona industriale, nei pressi dell’ immaginaria ma estremamente realistica ditta Rugon pavimenti in legno.

MAR 1 DICEMBRE ore 19
linguaggio
letture e riflessioni collaterali intorno a DRAMMATICA ELEMENTARE

Drammatica elementare è lo spettacolo che conclude la Trilogia del patrimonio. Questo esperimento di ludo-linguistica oltre ad essere una dedica alle parole, materia prima del teatro dei Fratelli Dalla Via mette a nudo meccanismi di scrittura e costruzione di una drammaturgia che sar interessante condividere con gli spettatori. In questo incontro finale protagonista sara il vocabolo giocato. I fratelli si sfideranno a suon di tautogrammi e gli spettatori non potranno restare a guardare.
«Siamo quello che parliamo», spiegano i Dalla Via. «La nostre parole sono la nostra casa. Che cosa succede quando una nuova parola entra nella nostra vita spesso a scapito di un’altra? Ci ispira pensare che un dizionario contenga tutta una lingua ma che il dizionario da solo non basti per possederne i meccanismi. Ci travolge pensare al potere che hanno le parole e di come possano mutare pensieri e dna sociale, non solo di un singolo ma di una comunità».

 



Per informazioni:
Biblioteca Comunale "Gaetano Baccari"
sede Sede: Via G. B. Conti, 30 - Lendinara
telefono Tel. 0425 605665-6-7-8
fax Fax 0425 605667
email E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Per essere aggionati su iniziative, manifestazioni della città e sugli eventi del Teatro Comunale Ballarin, iscrivetevi alla nostra Newsletter


Scarica la nuova app del comune di Lendinara
logo-municipiumQR Code Download applicazione iOS e Android
(inquadra il QR code per il download dell’applicazione per iOS e Android).
In alternativa cerca Municipium su App Store o Play Store del tuo smartphone.