Sei qui: Home Muoversi con un mezzo di trasporto Polizia Locale

Polizia Locale

4° Settore - Area Vigilanza - Comandante: Vice Commissario Sghinolfi Mario
Assessore alla Polizia Locale: Il Sindaco Viaro Luigi
Assessore alle Politiche per la Sicurezza: Il Sindaco Viaro Luigi

Insegna

sede Sede: Piazza Risorgimento, 2

telefono Tel.: 0425 605620

fax Fax: 0425 601672

Cellulare Cell.: 328 8021612  NUMERO PER LE EMERGENZE

email E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

pec PEC: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


pago pa home p lServizio visualizzazione Verbali e Pagamento Sanzioni


Sportello Polizia Locale:

 sede Piazza Risorgimento - Loggia Comunale
 telefono Tel. 0425 605620
 email e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
                                                                  
 orologio Orario apertura pubblico Sportello Polizia Locale

         Lunedì - Mercoledì - Venerdì, dalle 10.00 alle 13.00 (orari al pubblico non in emergenza COVID)

ATTENZIONE: VARIAZIONE ORARIO UFFICI CAUSA EMERGENZA COVID-19
Verifica le ordinanze pubblicate nell'articolo: Avvisi e Comunicati rivolti alla cittadinanza in merito a Coronavirus


 Il Comando Polizia Locale di Lendinara è composto dai seguenti addetti:

Comandante      Gradocom

1 Vice Istruttore Gradovice

2 Assistenti       Gradoassi

3 Agenti Scelti   Gradoagente

1 Assistente Amministrativo


Dotazione tecnica del Comando

Uffici:
Ogni postazione di lavoro è dotata di Personal Computer, collegati in rete, per la gestione di ogni attività lavorativa.    Stemmadist
Ogni PC è dotato di gestione Posta elettronica, accesso ad Internet.
E’ disponibile l’accesso alle banche dati (Sistema Informativo della Motorizzazione, Siatel, Anagrafe residenti, Ancitel-Pra), gestione informatizzata dei processi sanzionatori.

I veicoli in dotazione al Corpo sono:

1.      1 Fiat Punto

2.      1 Fiat Bravo

Altre attrezzature: 1 Precursore, 1 Etilometro, 1 Telelaser, 2 Macchine fotografiche digitali, 1 computer portatile.


La Polizia Locale è disciplinata in ambito nazionale dalla Legge Quadro sull’ordinamento della Polizia Municipale n. 65 del 7 marzo 1986, la quale stabilisce che comuni svolgono le funzioni di polizia locale e a tal fine può essere appositamente organizzato un servizio di polizia municipale.

Il Sindaco o l’assessore da lui delegato impartisce le direttive per lo svolgimento delle funzioni di Polizia Locale, vigila sull’espletamento del servizio e adotta i provvedimenti previsti dalle leggi e dai regolamenti.
La Regione Veneto con la legge regionale 9 Agosto 1988 n.40 ha stabilito le line guida in materia di Polizia Locale, con la quale ha previsto l’ incentivazione di forme associative e di collaborazione per lo svolgimento del servizio di Polizia Locale.
I comuni esercitano le funzioni di polizia locale, urbana e rurale, di polizia amministrativa e ogni altra attività di polizia, nelle materie di propria competenza e in quelle a essi delegate.
L’art.4 della Legge Regionale n.40 del 1988 ha stabilito i compiti degli addetti ai servizi di Polizia Locale, da svolgere nell’ambito territoriale dell’ente di appartenenza:

Uniforme

  • prevenire e reprimere le infrazioni alle norme di polizia locale;
  • vigilare sull’osservanza delle leggi statali e regionali, dei regolamenti e delle ordinanze la cui esecuzione è di competenza della polizia   locale, urbana e rurale;
  • svolgere i servizi di polizia stradale attribuiti dalla legge alla polizia municipale;
  • espletare i servizi di informazione, di accertamento e di rilevazione connessi ai compiti d' istituto;
  • vigilare sull’integrità e conservazione del patrimonio pubblico;
  • prestare servizi d' ordine, vigilanza e scorta necessari per l’espletamento di attività e compiti istituzionali degli enti di appartenenza;
  • svolgere le funzioni di polizia giudiziaria e le funzioni ausiliari di pubblica sicurezza ai sensi dell’articolo 5 della legge 7 marzo 1986, n. 65, nell’ambito delle proprie attribuzioni, nei limiti e nelle forme di legge;
  • prestare opera di soccorso in occasione di calamità e disastri e privati infortuni;
  • svolgere ogni altra funzione allo stesso demandata nei limiti di legge dai regolamenti locali.

Il Corpo di Polizia Locale è preposto anche ad altri servizi quali quelli di cerimoniale e di rappresentanza (ad esempio scorta il Gonfalone della Città) e la vigilanza sul corretto utilizzo dei beni pubblici da parte dei cittadini.


 

Chiusura Uffici Polizia Locale il sabato mattina periodo 17 luglio - 28 agosto

PDF  Stampa  E-mail 

Si avvisa che gli Uffici della Polizia Locale nel periodo compreso dal 17 luglio 2010 al 28 gosto 2010 il sabato mattina rimarrano chiusi al pubblico.

 

Polizia Stradale

PDF  Stampa  E-mail 

Gli agenti di Polizia Locale espletano, nell’ambito del territorio di competenza, i servizi di Polizia Stradale, ai sensi dell’art. 12, comma 1, lett. e), del Codice della Strada, approvato con il decreto legislativo n. 285/92.



Le funzioni di polizia stradale:

Auto

  • Prevenzione e accertamento delle violazioni al codice della strada;
  • Rilevazione degli incidenti stradali;
  • Soccorso automobilistico;
  • Predisposizione ed esecuzione dei servizi diretti a regolare il traffico;
  • La scorta per la sicurezza della circolazione stradale;
  • La tutela e il controllo sull’uso della strada.

Quando può servire?

Quando rilevate il mancato rispetto di norme del codice della strada, quando avete un incidente (se ci sono feriti è necessario chiamare il 118) o se avete un'emergenza sulla strada, quando a seguito di un incidente dovete richiedere gli atti relativi.

Rilascio relazione di incidente e danneggiamenti

Novità del codice della strada pdf

Violazioni al codice della strada

Modalità di ricorso per violazioni al codice della strada

Postazioni autovelox

Permesso persone invalide

 

Polizia Giudiziaria

PDF  Stampa  E-mail 

Pg

Nell’ambito del territorio di competenza (ovvero quello dell’Ente di appartenenza) i componenti il Comando di Polizia Locale, a seconda del grado e quando sono in servizio, assumono la qualità di AGENTI O UFFICIALI di Polizia Giudiziaria ai sensi dell’art. 57, comma 2 e 3, del Codice di Procedura Penale, in riferimento all’art. 5 comma 1,  lett. a), della Legge n. 65/1986. L’operato della Polizia Locale è dunque importantissimo e fondamentale per garantire, in città, il controllo del territorio e la pacifica convivenza dei cittadini ed implica un costante impegno e alta professionalità degli operatori.

Funzioni di Polizia Giudiziaria

Ai sensi dell’art.55 del c.p.p. la polizia giudiziaria (ufficiali e agenti) deve:

  • Anche di propria iniziativa, prendere notizia dei reati;
  • Impedire che i reati vengano portati a conseguenze ulteriori;
  • Ricercare gli autori dei reati;
  • Assicurazione delle fonti di prova e raccogliere quant’altro possa servire all’applicazione della legge penale;
  • Svolge ogni indagine e attività disposta o delegata dall’autorità giudiziaria

Quando può servire?

Quando dovete denunciare un reato o quando volete segnalare situazioni o persone sospette.

Bicicletta rubata - come denunciare il furto
E’ importante denunciare il furto della bicicletta perché:

  • se la bici viene ritrovata il proprietario può rientrarne in possesso;
  • se la P.L. vede che in una certa zona si verificano molti furti può monitorare il territorio per prevenire altri episodi ed eventualmente individuare i responsabili;
  • se una persona viene sorpresa a bordo di una bici rubata viene denunciata all’Autorità Giudiziaria.

È importante al momento della denuncia segnalare, oltre al tipo di bicicletta, colore, marca, accessori, segni particolari, se provvista di un sistema di riconoscimento, qualcosa di particolare che possa facilmente renderla riconoscibile. Si consiglia quindi, specialmente in occasione di un nuovo acquisto di bicicletta, di studiare un “segno” particolare, per renderla facilmente riconoscibile o di farne una foto.
Le biciclette segnalate e recuperate sono a disposizione dei legittimi proprietari presso il Comando di P.L. Nel caso di ritrovamento è opportuno avvisare la P.L., così anche nel caso si individui il possessore. Trascorso un anno dalla consegna della bicicletta ritrovata alla P.L., nel caso non si presenti il proprietario, la stessa passa di proprietà a chi l’ha ritrovata. Nel caso il proprietario della bicicletta si presenti a ritirarla, deve pagare un premio al ritrovatore, se questi lo richiede, pari a un decimo del valore del bene. E’ bene ricordare che anche colui il quale, consapevole, acquista, usa, rivende una bicicletta rubata è responsabile del reato di ricettazione.

Consigli utili

 

Pubblica Sicurezza

PDF  Stampa  E-mail 
PoliziaLa Polizia Locale rappresenta un fondamentale strumento di controllo della circoscrizione comunale, al fine di garantire e tutelare le esigenze di rispetto della legalità, scopo fondamentale demandato alla Pubblica Amministrazione locale.
Nell’espletamento delle funzioni ausiliarie di Pubblica Sicurezza, previste dalla normativa statale (art. 2 della legge-quadro sull’ordinamento di Polizia Locale), la Polizia Locale pone il presidio del territorio tra i suoi compiti primari, al fine di garantire, in concorso con le forze di Polizia dello Stato, la sicurezza urbana negli ambiti territoriali di propria competenza.

Funzioni ausiliarie di pubblica sicurezza:
  • Collaborazione al mantenimento dell'ordine pubblico;
  • Controllo sull'incolumità dei cittadini e sulla proprietà privata;
  • Cura e osservanza delle leggi e dei regolamenti generali o speciali dello Stato, della Regione, della Provincia e del Comune.

Quando può servire?

Quando vi trovate in situazioni nelle quali è minacciata la vostra sicurezza o quella di altri cittadini.

VIDEOSORVEGLIANZA

All’interno del centro cittadino sono state dislocate n.8 telecamere destinate al controllo di punti nevralgici del territorio comunale al fine di prevenire episodi di vandalismo, deposito incontrollato di rifiuti e altri situazioni di interesse per la pubblica sicurezza. Attualmente le telecamere sono dislocate in:

  • Piazza Risorgimento n.2 telecamere
  • Piazzale Kennedy n.1 telecamera
  • Piazza Duomo-S.Sofia n.2 telecamere
  • Via Marconi-Scuole Medie n.1 telecamera
  • Piazzale Statuto n.1 telecamera
  • Ecocentro Comunale

Le immagini sono controllate dal personale del Comando nel rispetto della normativa sul trattamento dei dati sensibili.

COMUNICAZIONE DI OSPITALITÀ - CESSIONE DI IMMOBILE A FAVORE DI CITTADINO STRANIERO EXTRACOMUNITARIO

L’art 7 del d.Lvo n. 286/98 stabilisce gli obblighi dell’ospitante.

1. Chiunque, a qualsiasi titolo, dà alloggio ovvero ospita uno straniero o apolide, anche se parente o affine, ovvero cede allo stesso la proprietà o il godimento dei beni immobili, rustici o urbani posti nel territorio dello Stato, è tenuto a darne comunicazione scritta, entro quarantotto ore all'autorità locale di pubblica sicurezza.

2. La comunicazione comprende, oltre alle generalità del denunciante, quelle dello straniero o apolide, gli estremi del passaporto o del documento di identificazione che lo riguardano, l’esatta ubicazione dell’immobile ceduto o in cui la persona è alloggiata, ospita o presta servizio ed il titolo per il quale la comunicazione è dovuta.

2-bis. Le violazioni delle disposizioni di cui al presente articolo sono soggette alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 160 a 1.100 euro.

DENUNCIA CESSIONE FABBRICATO

La denuncia di cessione fabbricato è un obbligo che riguarda chiunque cede la proprietà o il godimento o a qualunque altro titolo consente l'uso esclusivo di un immobile o di parte di esso, per un periodo superiore a trenta giorni.

In tali casi (previsti dall'art.12 del decreto legge 21 marzo 1978 n. 59, convertito dalla legge 18 maggio 1978, n. 191), tali soggetti devono presentare la comunicazione entro 48 ore dalla cessione, compilando un modulo da consegnare all'Autorità Locale di Pubblica Sicurezza (Questura / Commissariato di Pubblica Sicurezza o Comune nei casi in cui nello stesso non ha sede una Questura o un Commissariato di P.S.) oppure da inviare per posta, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, agli stessi uffici.

Recentemente, però, l'art. 3, comma 3, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, ha stabilito (con decorrenza 7 aprile 2011) che non sussiste più l'obbligo della separata comunicazione di "cessione di fabbricato" qualora sia stato registrato il relativo contratto di locazione. L'art. 3, comma 6, dello stesso decreto prevede, tuttavia, che le disposizioni di cui ai commi che lo precedono (e pertanto anche quella relativa al predetto assorbimento) non si applicano alle locazioni di unità immobiliari ad uso abitativo effettuate nell'esercizio di una attività d'impresa, o di arti e professioni.

Inoltre, l'art. 5, comma 1, lettera d), e comma 4, del decreto-legge 13 maggio 2011, n. 70, entrato in vigore il 14 maggio 2011, convertito dalla legge 12 luglio 2011, n. 106, ha esteso tale assorbimento dell'obbligo di comunicare l'avvenuta cessione anche ai casi di avvenuta registrazione dei contratti di trasferimento aventi ad oggetto immobili o comunque diritti immobiliari.

 
Altri articoli...
Pagina 8 di 9