Sei qui: Home Nascita

Nascita

PDF  Stampa  E-mail 
Con la nascita la persona acquista la capacità giuridica, cioè la capacità di essere titolare attivo e passivo di diritti.
Questo evento viene inserito nelle registrazioni amministrative della popolazione attraverso una dichiarazione o denuncia di nascita.

Da chi può essere resa la denuncia di nascita:
  • da uno qualsiasi dei genitori (da entrambi se non coniugati);
  • da un Procuratore speciale;
  • dal medico o dall’ostetrica o da qualsiasi altra persona che abbia assistito al parto.
Modalità:
  • entro 3 giorni presso la Direzione Sanitaria dell’Ospedale o della Casa di Cura in cui è avvenuta la nascita;
  • entro 10 giorni innanzi all’Ufficiale dello Stato Civile del Comune in cui è avvenuta la nascita;
  • entro 10 giorni all’Ufficiale dello Stato Civile del Comune di residenza dei genitori, se non risiedono nello stesso comune, è resa nel comune di residenza della madre (facoltà esercitabile soltanto dai genitori).
Documentazione da presentare:
  • attestazione di nascita fornita al dichiarante dalla direzione sanitaria del centro di nascita o dal medico o dall’ostetrica che ha assistito al parto.
Per quanto riguarda il nome:

E’ vietato imporre al bambino lo stesso nome del padre vivente, di un fratello o di una sorella viventi, un cognome come nome, nomi ridicoli o vergognosi. Il nome deve corrispondere al sesso. In presenza di più elementi onomastici è sufficiente che sia il primo a corrispondere al sesso (Gian Maria è nome maschile). Può essere composto da uno o più elementi onomastici, anche separati, non superiori a tre (tutti gli elementi del prenome saranno riportati insieme negli estratti, nei certificati). I nomi stranieri imposti ai bambini di cittadinanza italiana devono essere espressi con le lettere dell’alfabeto italiano, con l’estensione alle lettere J, K, X, Y, W ormai acquisite nella pratica quotidiana. Per i bambini stranieri la scelta del nome è regolata dalla legge straniera di appartenenza.

N.B.: I nati prima del 31 marzo 2001 (data di entrata in vigore del D.P.R. 396/2000), che hanno avuto attribuito un nome composto da più elementi, possono dichiarare per iscritto all’Ufficiale dello Stato Civile del luogo di nascita, l’esatta indicazione con cui devono essere riportati gli elementi del proprio nome negli estratti e nei certificati di stato civile e di anagrafe ed in ogni altra registrazione amministrativa della popolazione (documenti, liste elettorali, ecc.).
La dichiarazione (modello sceltanome pdf) può essere presentata direttamente, sottoscrivendola davanti al dipendente addetto a riceverla, o per via telematica,  posta o fax (la sottoscrizione è presentata unitamente a copia fotostatica di un documento d’identità del sottoscrittore).